Direttamente al contenuto

Fatti e cifre 2019

La rubrica «Fatti e cifre» illustra lo sviluppo e la diffusione del Governo elettronico in Svizzera. Mostra inoltre i progressi fatti da Confederazione, Cantoni e Comuni nella realizzazione di servizi elettronici e come questi vengono recepiti dalla popolazione e dalle aziende.

Strategia di e-government Svizzera consolidata nei Cantoni

25 Cantoni hanno una strategia di Governo elettronico, soltanto un Cantone ne è privo. La strategia di e-government Svizzera gode quindi di ampio consenso nei Cantoni. Nell’adeguamento della loro strategia, 22 Cantoni si sono fortemente ispirati alla strategia di e-government nazionale.

Fonte: Studio nazionale sul Governo elettronico 2019

Dimestichezza della popolazione svizzera con i servizi online

Nei contatti con le autorità la popolazione svizzera predilige il canale elettronico. Tuttavia, del 36 per cento degli intervistati che avviano una pratica elettronicamente, soltanto il 25 per cento la conclude attraverso questo canale. Gli altri lo fanno principalmente di persona o per posta. Si deduce quindi che nel caso di numerosi servizi di Governo elettronico manca ancora la necessaria continuità.

Fonte: eGovernment MONITOR 2018

Dopo il primo utilizzo online, per sempre online

Gran parte della popolazione svizzera apprezza i servizi di Governo elettronico offerti dalle autorità. Le persone che iniziano ad utilizzare i servizi elettronici delle autorità spesso non tornano più indietro e continuano dunque ad avvalersi del canale elettronico.

Fonte: eGovernment MONITOR 2018

Aumento del 25 per cento del grado di notorietà

Dal 2014 le autorità svizzere sono riuscite a ridurre in maniera determinante gli ostacoli all’utilizzo. Ciononostante, il 45 per cento degli intervistati afferma di non utilizzare (regolarmente) i servizi offerti dal Governo elettronico poiché che non li conosce.

Fonte: eGovernment MONITOR 2018

Partecipazione al voto più elevata grazie al voto elettronico?

Consiglio federale favorevole al principio del «digital first»

Conformemente ai punti fondamentali della Strategia e-government Svizzera 2020–2023 stabiliti dal Consiglio federale, in futuro la omunicazione con le autorità dovrà avvenire secondo il principio del «digital fi rst», ovvero prevalentemente in forma elettronica. Anche la popolazione e le imprese vogliono che l’amministrazione punti su servizi online.

Fonte: Studio nazionale sul Governo elettronico 2019
Comunicato stampa del Consiglio federale del 14.11.2018

Risparmio di 47 milioni di franchi per le imprese

Il portale per le PMI e lo sportello online per le imprese EasyGov.swiss, attivo da novembre 2017, generano risparmi annui di circa 47 milioni di franchi per le imprese svizzere. A fine 2018 il portale per le PMI contava 21 servizi online forniti dalle autorità e oltre 9000 utenti registrati.

Fonte: Segreteria di Stato dell’economia SECO

Fiducia nei servizi di Governo elettronico

Circa il 66 per cento dei cittadini intervistati si fida dei servizi online offerti dalle autorità per quanto riguarda la protezione della personalità e dei dati. La fiducia nei servizi elettronici espressa dalle imprese è invece leggermente inferiore (63 %).

Fonte: Studio nazionale sul Governo elettronico 2019

Cittadini svizzeri propensi a utilizzare le nuove tecnologie

Partecipazione elettronica: le autorità svizzere guadagnano terreno

Le autorità svizzere offrono alla popolazione sempre più possibilità di partecipare attivamente all’interazione pubblica e all’attività amministrativa, anche attraverso canali elettronici. Nell’ambito della partecipazione elettronica, la Svizzera ottiene il 41° posto su 193 e dal 2016 avanza quindi di 31 posizioni.

Fonte: UN eGovernment Survey 2018

Servizi di base: grande necessità di recupero

La Svizzera si situa nettamente al di sotto della media europea per quanto concerne lo sviluppo dei servizi di base fondamentali e di infrastrutture (Svizzera: 24 %; UE: 56 %). Questo perché mancano servizi di base come l’identificazione elettronica (eID) o registri comuni dei dati.
 
Fonte: Rapporto di analisi comparativa dei servizi di governo elettronico dell’UE 2018 (eGovernment Benchmark)

Miglior servizio di Governo elettronico: dichiarazione d’imposta elettronica

Sia i cittadini (70 %) che le imprese (46 %) presentano la dichiarazione d’imposta prevalentemente per via elettronica.
 
Fonte: Studio nazionale sul Governo elettronico 2019