Direttamente al contenuto

Studi

Prospettiva

2018

Indagine 2018 delle Nazioni Unite sul Governo elettronico

Dal 2001, ogni due anni le Nazioni Unite svolgono un’indagine sullo stato del Governo elettronico in 193 Paesi. Per ciascuno Stato vengono calcolati l’indice di partecipazione (E-Participation Index, EPI) e l’indice di sviluppo (E-Government Development Index, EGDI). Quest’ultimo è costituito da tre componenti: i servizi online (Online Service Index, OSI), le infrastrutture di telecomunicazione (Telecommunication Infrastructure Index, TII) e il capitale umano (Human Capital Index, HCI). La Svizzera si piazza al 15° posto per l’EGDI e al 41° posto per l’EPI; migliora così la sua posizione rispetto all’indagine del 2016 guadagnando rispettivamente 13 e 31 posizioni.

Editore: Nazioni Unite (ONU)

United Nations eGovernment Survey 2018
Formato:
PDF
Dimensione:
2 mb
Aggiornare:

Global Innovation Index 2018

Il Global Innovation Index 2018, frutto della collaborazione tra la Cornell University, l’istituto INSEAD e l’Organizzazione mondiale per la proprietà intellettuale (WIPO), misura le condizioni quadro e la capacità di innovazione di 130 economie nazionali. Il punteggio viene calcolato in base agli «input» e agli «output» innovativi di ogni paese. Gli input comprendono il capitale umano, la ricerca, le infrastrutture e il grado di maturità del mercato e delle imprese, mentre gli output si riferiscono a conoscenza, tecnologia e creatività. La Svizzera guida la classifica per il settimo anno consecutivo, piazzandosi al 1° posto per quanto riguarda sapere e tecnologia e al 3° posto per la creatività.

Editore: Cornell University, istituto INSEAD, Organizzazione mondiale per la propietà intellettuale (WIPO)

Global Innovation Index 2018
Formato:
PDF
Dimensione:
73 mb
Aggiornare:

2017

Studio nazionale sul Governo elettronico 2017

Il 20 novembre 2017 la Segreteria e-government Svizzera ha pubblicato il primo studio nazionale sul Governo elettronico in collaborazione con la Segreteria di Stato dell’economia (SECO). La popolazione, le imprese e i rappresentanti dei tre livelli statali hanno espresso l’esigenza di un ampliamento dell’attuale offerta di Governo elettronico.

Editore: DemoSCOPE AG

Rapporto breve sullo studio nazionale sul Governo elettronico 2017
Formato:
PDF
Dimensione:
629 kb
Aggiornare:

eGovernment Monitor 2017

Dal 2010 lo studio eGovernment Monitor analizza come viene recepita dalla popolazione l’offerta online delle autorità. Punto focale della ricerca sono utilizzo, soddisfazione, incentivi e ostacoli inerenti il Governo elettronico in Germania, Austria e Svizzera.

Editore: Institute for public information management (ipima), Initiative D21

E-Government Monitor 2017 (in tedesco)
Formato:
PDF
Dimensione:
2 mb
Aggiornare:

2016

Rapporto di valutazione comparativa dell’e-government

In data odierna la Commissione europea ha pubblicato il tredicesimo rapporto sullo stato del Governo elettronico. Nei principali indicatori presi in considerazione la Svizzera ottiene risultati migliori degli anni precedenti. Per quanto concerne la trasparenza online e i moduli di base registra ancora un ritardo rispetto alla media dei Paesi esaminati.

Editore: Commissione europea

Rapporto di valutazione comparativa dell’e-government (in inglese)
Formato:
PDF
Dimensione:
7 mb
Aggiornare:

eGovernment-Monitor 2016

Dal 2010 lo studio eGovernment Monitor analizza come viene recepita dalla popolazione l’offerta online delle autorità. Punto focale della ricerca sono utilizzo, soddisfazione, incentivi e ostacoli inerenti il Governo elettronico in Germania, Austria e Svizzera. Secondo lo studio nel 2016 il 65 per cento degli intervistati utilizza i servizi del Governo elettronico e per quanto riguarda lo sviluppo futuro dell’utilizzo, i risultati dello studio indicano una tendenza positiva.

Editore: Institute for public information management (ipima), Initiative D21

eGovernment-Monitor 2016
Formato:
PDF
Dimensione:
1 mb
Aggiornare:

UN E-Government Survey 2016

Dal 2001, ogni due anni il Dipartimento per gli affari economici e sociali delle Nazioni Unite svolge un’indagine sullo stato del Governo elettronico nei suoi Stati membri. Per ciascuno Stato vengono calcolati un indice di partecipazione e un indice di sviluppo del Governo elettronico. La Gran Bretagna e il Giappone sono in testa alla classifica.

Editore: Nazioni Unite

E-Government Survey 2016
Formato:
PDF
Dimensione:
8 mb
Aggiornare:

The Global Information Technology Report 2016

Dal 2001 il Forum economico mondiale (WEF) pubblica un rapporto sui risultati più recenti dell’indice di «reattività tecnologica» («Networked Readiness Index», NRI) e presenta lo stato delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC) in 139 economie. Il NRI copre quattro settori: il contesto politico ed economico, l’«e-readiness» (infrastruttura e accessibilità economica), l’utilizzo dei servizi di Governo elettronico (da parte di popolazione, economia e amministrazioni) e l’impatto economico e sociale delle TIC. Nel confronto internazionale la Svizzera occupa il settimo posto. Singapore e la Finlandia sono in cima alla classifica.

Editore: Forum economico mondiale (WEF) / Insead / Johnson Cornell University

The Global Information Technology Report 2016
Formato:
PDF
Dimensione:
14 mb
Aggiornare:

Switzerland’s Digital Future

Facts, Challenges, Recommendations

Editore: EPFL College of Management of Technology

Switzerland's Digital Future
Formato:
PDF
Dimensione:
945 kb
Aggiornare:

World development report 2016 - Digital Dividends

Il rapporto del 2016 sullo sviluppo mondiale (World Development Report 2016) evidenzia una crescita delle tecnologie digitali a livello mondiale, ma un ritardo per quanto riguarda i dividendi digitali. In molti casi le tecnologie digitali hanno stimolato la crescita, aumentato le opportunità e migliorato la fornitura di servizi. Per trarre il massimo profitto da questa rivoluzione digitale, i Paesi devono inoltre creare una solida base analogica per fornire dividendi digitali a tutti, in tutto il mondo.

Editore: Gruppo della Banca mondiale

Digital Dividends (disponibile in inglese)
Formato:
PDF
Dimensione:
11 mb
Aggiornare:

2015

Numero AVS: identificatore univoco e intersettoriale delle persone

Nella prima parte la perizia descrive l’attuale utilizzo in Svizzera del numero AVS a 13 cifre (NAVS13) e, in particolare, i rischi derivanti dal mancato utilizzo di tale numero nonché le regolamentazioni vigenti all’estero. La seconda parte contiene un confronto tra sistemi, una valutazione globale dei rischi, un’analisi delle implicazioni per la protezione dei dati e una valutazione dei costi in base all’approccio seguito.

Editore: Conferenza svizzera sull’informatica (CSI)

Big data: opportunità, rischi e necessità d’intervento della Confederazione

Lo studio della Scuola universitaria professionale di Berna si basa su un’intervista qualitativa di 20 esperti provenienti dal mondo dell’economia, dell’amministrazione e della società civile e su un sondaggio quantitativo condotto tra più di 800 persone in Svizzera. Obiettivo dello studio è di meglio comprendere le implicazioni del «big data» in vista della rielaborazione della Strategia del Consiglio federale per una società dell’informazione in Svizzera.

Editore: Scuola universitaria professionale di Berna

Digital Switzerland 2015

Quanto è importante la trasformazione digitale presso le imprese e le organizzazioni in Svizzera? Come giudicano le imprese e le organizzazioni presenti in Svizzera le opportunità e le sfide poste dalla trasformazione digitale? Quale grado di maturità digitale hanno attualmente raggiunto? Lo studio approfondisce questi tre argomenti di ricerca. Dal momento che per la Svizzera non è disponibile materiale sufficiente riguardo alla trasformazione digitale, viene effettuato uno studio empirico di tipo quantitativo mediante un sondaggio online. In totale, 463 persone hanno partecipato al sondaggio.

Editore: Center for Digital Business

Digital Switzerland 2015 (disponibile in tedesco)
Formato:
PDF
Dimensione:
431 kb
Aggiornare:

Relazione di analisi comparativa dell’e-government 2014

Dal 2001, su incarico della Commissione europa, Capgemini analizza annualmente l’evoluzione dell’offerta di Governo elettronico nei 28 Stati membri dell’UE nonché in Svizzera, Islanda, Norvegia, Serbia e Turchia. Nell’ambito di sette eventi di vita estrapolati dalla quotidianità della popolazione e dell’economia vengono esaminati l’impostazione e il grado di maturità dei quattro indicatori principali «Orientamento all’utente», «Mobilità», «Efficienza ed effettività» e «Condizioni». L’analisi di questi eventi si ripartisce su due anni. Lo studio non è esaustivo, ma sarà completato nel 2016.

Editore: Commissione europea

E-Government-Monitor 2015

Lo studio eGovernment MONITOR 2015 esamina lo stato del Governo elettronico in Germania, Austria, Svizzera e Svezia. Esso analizza in che modo vengono utilizzate le prestazioni di Governo elettronico e il grado di soddisfazione. Nel 2015 sono stati inoltre esaminati gli sviluppi nei settori del mobile government e dell’open government.

Editore: Initiative D21

E-Government Monitor 2015 (disponibile in tedesco)
Formato:
PDF
Dimensione:
2 mb
Aggiornare:

Ambiente eID

Nel quadro della collaborazione tra uffici per il progetto «Definizione di un’identità elettronica (eID) riconosciuta a livello statale», la SECO ha incaricato la Scuola universitaria professionale di Berna di sviluppare un modello di ambiente eID.

Il progetto eID si svolge sotto la responsabilità dell’Ufficio federale di polizia (fedpol), che è stato incaricato dal Consiglio federale di rinnovare completamente la carta d’identità svizzera. Insieme alla prevista legge sull’eID, il progetto servirà a gettare le basi per la diffusione su larga scala dell’economia e dell’amministrazione elettroniche. Con la concezione di un ambiente eID si intendono definire i meccanismi che consentiranno una collaborazione elettronica sicura tra l’Amministrazione, l’economia e i cittadini.

Editore: Segreteria di Stato dell’economia (SECO)

Ambiente eID (disponibile in tedesco)
Formato:
PDF
Dimensione:
4 mb
Aggiornare:

Disponibilità duratura e archiviazione di geodati

Con questo studio, il gruppo di lavoro sui sistemi informativi geografici della Conferenza svizzera sull’informatica (GIS-CSI) contribuisce allo scambio di informazioni e all’analisi di diverse tematiche in vista dell’attuazione coordinata e comune della disponibilità duratura e dell’archiviazione di geodati.

Editore: Conferenza svizzera sull’informatica (CSI)

Disponibilità duratura e archiviazione di geodati (disponibile in tedesco)
Formato:
PDF
Dimensione:
7 mb
Aggiornare:

E-government e imprese

La SECO ha incaricato l’istituto di ricerca gfs.bern di proseguire la serie di studi sul tema e-government e imprese in Svizzera con una settima indagine. Concretamente questa verte sulla richiesta di informazioni e di servizi online relativi all’amministrazione pubblica da parte delle aziende in Svizzera nonché sul grado di notorietà di SuisseID e dei singoli portali dell’amministrazione pubblica.

Editore: gfs.bern su incarico della SECO

Studio sul connubio tra e-government e imprese (disponibile in tedesco)
Formato:
PDF
Dimensione:
354 kb
Aggiornare:

2014

Accelerating Europe’s Comeback

L’Unione Europea (UE) può tornare a crescere maggiormente dal punto di vista economico e ridurre il suo crescente divario competitivo con il resto del mondo adottando su vasta scala le tecnologie digitali. Accenture ha avviato un programma ufficiale di ricerca per definire le opportunità per l’UE e i passi che i responsabili delle decisioni economiche e politiche devono compiere per trasformare il potenziale digitale dell’UE in una maggiore produttività, innovazione e crescita. Questa premessa è volutamente intesa come frutto di un’analisi basata sull’osservazione.

Editore: Accenture

Accelerating Europe’s Comeback (disponibile in inglese)
Formato:
PDF
Dimensione:
1 mb
Aggiornare:

eEconomy in Svizzera: monitoraggio e rapporto 2014

Il monitoraggio del 2014 intende verificare se continuano ad esserci i presupposti per sviluppare senza eccessive difficoltà la eEconomy Svizzera, intesa come piattaforma altamente efficiente e competitiva sul piano internazionale. Lo studio dimostra che la eEconomy svizzera ha raggiunto un ottimo livello rispetto ad altri Paesi e può evolversi ulteriormente grazie a condizioni eccellenti.

Editore: Segreteria di Stato dell’economia (SECO)

eEconomy in Svizzera: monitoraggio e rapporto 2014 (disponibile in tedesco)
Formato:
PDF
Dimensione:
2 mb
Aggiornare:

United Nations E-Government Survey 2014

La struttura concettuale del sondaggio delle Nazioni Unite sul Governo elettronico (United Nations E-Government Survey) ha una visione olistica dello sviluppo del Governo elettronico e si fonda su tre elementi principali: (i) disponibilità di servizi online, (ii) infrastruttura delle telecomunicazioni e (iii) competenza umana. Il tema dell’edizione 2014 del sondaggio – E-Government for the Future We Want (Governo elettronico per il futuro che vogliamo) – è particolarmente importante per affrontare le molteplici e complesse sfide odierne delle nostre società.

Editore: Nazioni Unite

United Nations E-Government Survey 2014 (disponibile in inglese)
Formato:
PDF
Dimensione:
7 mb
Aggiornare:

E-Government-Monitor 2014

Dal 2011 eGovernment MONITOR fornisce annualmente un vasto quadro dell’attuale situazione in Germania nel settore del Governo elettronico. Oltre all’utilizzo, al grado di soddisfazione, agli incentivi e agli ostacoli, tra gli aspetti esaminati figurano anche i diversi possibili servizi di Governo elettronico e gli atteggiamenti dei cittadini. Nel 2014 è stato operato un confronto con Austria, Svizzera e Svezia.

Editore: ipima / Initiative D21

E-Government Monitor 2014 (disponibile in tedesco)
Formato:
PDF
Dimensione:
2 mb
Aggiornare:

The Global Information Technology Report 2014

Il rapporto del 2014 sulla tecnologia dell’informazione nel mondo (Global Information Technology Report 2014) riferisce in merito ai risultati più recenti del cosiddetto Networked Readiness Index (NRI) offrendo una panoramica sulla disponibilità delle TIC nel mondo. Il rapporto esamina 148 economie nazionali e rileva che la Svizzera dispone di un’eccellente infrastruttura tecnica, conoscenze specialistiche elevate e un grande potenziale innovativo.

Editore: Forum economico mondiale (WEF)

The Global Information Technology Report 2014 (disponibile in inglese)
Formato:
PDF
Dimensione:
8 mb
Aggiornare:

Rapporto del 2013 su un’analisi comparativa del Governo elettronico

Il rapporto giudica l’offerta online delle amministrazioni pubbliche valutando indicatori quali la facilità d’uso, l’offerta specifica online per la popolazione e per l’economia, la soddisfazione dei clienti e la diffusione di moduli di base che consentono di attuare le soluzioni del Governo elettronico come l’identità elettronica. Lo studio segue un nuovo approccio metodologico. Misura infatti l’impiego di servizi elettronici nel quadro di determinati eventi. Si incentra sui processi legati alla ricerca di un posto di lavoro e alla disoccupazione, alla costituzione di un’impresa e agli studi presso un’università estera. 

Editore: Commissione europea

Soddisfazione per il Governo elettronico 2013

Il rapporto contiene i risultati del sondaggio condotto nel quadro del progetto di ricerca ZeGo – Zufriedenheit im E-Government in der Schweiz, che valuta la soddisfazione degli utenti del Governo elettronico in Svizzera. Si tratta del quarto sondaggio dopo quelli effettuati nel 2006, nel 2008 e nel 2011. ZeGo rileva la soddisfazione degli utenti per i portali dei loro Cantoni nell’arco di più anni. Questo studio di valutazione e comparazione su scala nazionale fornisce inoltre ai Cantoni gli elementi concreti per sviluppare i propri portali web su basi scientifiche.   

Editore: Università di Basilea

Soddisfazione per il Governo elettronico 2013 (disponibile in tedesco)
Formato:
PDF
Dimensione:
1 mb
Aggiornare: