Direttamente al contenuto

Il Comitato direttivo trae un bilancio positivo della Strategia di e-government Svizzera 2016–2019

Nella sua seduta del 28 ottobre 2019, a conclusione della Strategia di e-government Svizzera 2016–2019, il Comitato direttivo e-government Svizzera ha preso conoscenza dello stato di attuazione delle misure. Al riguardo, trae un bilancio complessivamente positivo, poiché sono state poste basi importanti per l’ulteriore digitalizzazione dell’Amministrazione. In vista dei futuri lavori il Comitato direttivo sottolinea l’importanza di una collaborazione ancora più stretta e vincolante tra i tre livelli statali.

Nel quadro della strategia comune di e-government di Confederazione, Cantoni e Comuni 2016–2019, il Comitato direttivo ha seguito le Linee guida comprensive di dieci progetti strategici e quattro compiti permanenti. Nel bilancio della Strategia di e-government 2016–2019, il Comitato direttivo sottolinea il buon esito dei seguenti progetti, che sono stati finanziati nelle Linee guida e costituiscono un presupposto importante per l’Amministrazione digitale:

  • base per l’identità elettronica riconosciuta a livello statale (eID): la legge federale sui servizi d’identificazione elettronica (legge sull’Ie, LSIe) è pronta. Il Parlamento l’ha approvata nella sessione autunnale 2019. Viene così stabilito il quadro giuridico per un servizio di base centrale per l’e-government;
  • società di gestione per soluzioni di e-government: a metà del 2018 la società di gestione eOperations Svizzera SA, che acquista e gestice soluzioni TIC per le amministrazioni pubbliche, ha iniziato la sua attività. Questa società fornisce un contributo decisivo all’obiettivo strategico che consiste nell’utilizzare più volte le soluzioni e consente quindi alle autorità di risparmiare sui costi;
  • portale di e-government per l’economia: con il portale EasyGov, operativo da fine 2017, le imprese svizzere dispongono di un punto di contatto centrale per il disbrigo delle pratiche amministrative. Le dieci prestazioni maggiormente richieste, tra cui l’iscrizione nel registro di commercio e le relative modifiche, sono disponibili sul portale; 
  • comunicazione elettronica dei cambiamenti di indirizzo disponibile per la maggioranza dei cittadini: dal 2017 le comunicazioni dei cambiamenti di indirizzo possono essere effettuate elettronicamente sul portale online etrasloco.swiss. La stessa soluzione è messa attualmente a disposizione dei cittadini in 13 Cantoni ed è gestita da eOperations Svizzera. L’obiettivo della graduale diffusione a livello nazionale verrà raggiunto nei prossimi anni.

Al fine di portare avanti più rapidamente i progetti in futuro, il Comitato direttivo intende rendere più vincolante la collaborazione in ambito di e-government. I relativi lavori preliminari sono stati eseguiti nel 2019. È inoltre intenzione del Comitato direttivo affrontare gli accertamenti giuridici concreti e i processi politici nel quadro della Strategia di e-government 2020-2023, la cui approvazione da parte di Confederazione, Cantoni e Comuni è prevista per la fine dell’anno.

Per ulteriori informazioni

Anna Faoro, responsabile della comunicazine e capo sostituta, Segreteria e-government Svizzera, Organo direzione informatica della Confederazione ODIC, Tel. +41 58 465 12 28, anna.faoro(at)egovernment.ch